La didattica dopo il DPCM del 3 novembre 2020

Mercoledì, 4 Novembre 2020

Il DPCM 3 novembre 2020 con decorrenza dal 5 novembre 2020 e fino al 3 dicembre 2020, prevede una serie di nuove indicazioni relativamente allo svolgimento delle attività formative delle università.

E’ prevista la sospensione di tutte le attività formative e curriculari in presenza svolte all'interno delle università. È ammesso in presenza il solo svolgimento delle attività pratiche e di laboratorio e delle attività formative e curriculari relative al primo anno dei corsi di studio (triennali e magistrali).

Pertanto, a decorrere dal 5 novembre 2020, è sospeso lo svolgimento in presenza di tutte le lezioni frontali degli insegnamenti contenuti nei piani di studio negli anni successivi al primo delle lauree e lauree magistrali. Tali attività continueranno a essere erogate esclusivamente attraverso la didattica a distanza fino al 3 dicembre 2020, salvo diversa comunicazione.

Con riferimento alle lezioni frontali degli insegnamenti dei primi anni, esse continuano a essere svolte in presenza, e sono contemporaneamente trasmesse in didattica a distanza sincrona o asincrona.

Allo stato, salvo diversa interpretazione da parte del Ministero, si ritengono sospese anche le attività didattiche in presenza dei dottorati di ricerca, dei Master e dei corsi di formazione, perfezionamento, aggiornamento e simili.

Si precisa che viene comunque mantenuta l’apertura dei presidi didattici, dei dipartimenti, dei laboratori e di ogni altra struttura universitaria.

Coerentemente con le previsioni del DPCM, si ritiene opportuno sospendere anche lo svolgimento in presenza delle prove di esame di profitto, incluse le prove in itinere.